Italiano


English


Franšaise


Espa˝ol

                                                         

 

 

 

 

 

 

Carlo Saggy, nasce a Benetutti (Sassari) il 19 Dicembre 1948.
GiÓ in tenera etÓ la sua sete di conoscenza lo porta verso l'affascinante e fantastico mondo dell'arte.
Inizia cosý la sua formazione artistica dove apprenderÓ in svariati campi da quello musicale, a quello della scultura dalla fotografia alla coreografia e infine  estetica femminile. Proprio da quest' ultima sua passione artistica, Carlo attinge maggiori ispirazioni che lo porteranno a grandi traguardi. Un percorso una carriera che dal 1970 ad oggi ha retto l'urto delle mode e dei tempi grazie alla sua originalitÓ. Il suo amore per la gente per i viaggi e uno spiccato senso comunicativo lo spingono verso l'amore per la natura che lui coglie nella sua bellezza quale massima espressione artistica nella consapevolezza che la natura e l'arte siano sinonimi sicchŔ non Ŕ l'uomo che crea l'arte, ma la natura che Ŕ arte e l'uomo pu˛ essere soltanto un intermediario tra il creatore e l'espressione che equivale a capacitÓ di esternazione con l'intento di trovare chi condivida quest'ultima.
Carlo Saggy, artista poliedrico viene caratterizzato dalla sua sensibilitÓ a cogliere i vari aspetti del mondo che lo circonda, di farli propri, di maturarli e esternarli attraverso le sue realizzazioni con la generositÓ di chi non vuole tenere nulla per se, ma desidera che gli altri ne partecipino. Dal riconoscimento della natura quale massima espressione dell'arte nasce l'idea della pittura sul corpo e lo spunto, per la prima volta, fu offerto a Carlo Saggy allorchŔ la rivista "L'Espresso" gli commission˛ la realizzazione di una copertina dal tema carnevalesco. Le immagini fotografiche che impressionano un corpo di una donna suggestivamente dipinto al fine di dare sfogo a quella che Ŕ la sua interioritÓ fatta di mille sfaccettature ed adattabile al momento storico ed alla situazione ambientale, sono per Carlo Saggy lo strumento per perpetuare la donna e la natura proprio perchŔ si Ŕ pienamente consapevoli della caducitÓ di tutto ci˛ che
ci circonda.  

Rita d'Alessandro